Error message

Deprecated function: The each() function is deprecated. This message will be suppressed on further calls in _menu_load_objects() (line 579 of /home/aulftlrm/public_html/includes/menu.inc).

CONSULENZA GRATUITA SU MEDICINA CINESE E CORONAVIRUS

IL DOTTOR ZHANG JIANMIN IN COLLABORAZIONE CON L'ISTITUTO SUPERIORE DI MEDICINA TRADIZIONALE CINESE VILLA GIADA ATTIVA UNO SPORTELLO ONLINE DI CONSULENZA GRATUITA SU MEDICINA CINESE E CORONAVIRUS

Roma, 10 marzo 2020

La cura della polmonite da nuovo corona virus in medicina cinese

La polmonite da nuovo coronavirus in medicina cinese appartiene alla categoria delle malattie febbrili o da calore epidemico (wen yi) che indica principalmente i diversi tipi delle malattie infettive. Bisogna dire innanzitutto che lo sviluppo della medicina cinese è strettamente connesso con la storia delle malattie infettive nel corso dei millenni; se non vi fossero state epidemie, oggi la medicina cinese probabilmente non sarebbe così forte e importante. I metodi di differenziazione delle sindromi secondo i sei meridiani, secondo le quattro fasi (wei - qi - ying - xue) e secondo il sanjiao sono state tutte elaborate e gradualmente perfezionate nel corso della cura delle malattie febbrili, anche la clinica in medicina tradizionale cinese si è stabilita fronteggiando ripetutamente le malattie febbrili.

Nella attuale polmonite da nuovo coronavirus possiamo prendere in considerazione i seguenti principi e fattori per la differenziazione delle sindromi, la cura e la prevenzione:

  1. Eziologia e fisiopatologia in medicina cinese
    il patogeno nuovo coronavirus appartiene alla categoria di medicina cinese dei fattori infettivi, l'umidità tossica del fattore epidemico entra dal naso e dalla bocca, il polmone perde la sua fisiologia di espansione, il meccanismo del qi è ostruito, si manifestano febbre bassa, mancanza di forze, tosse, respiro corto. In alcuni pazienti l'umidità si sviluppa dal calore, l'umidità tossica intasa il polmone e lo opprime, penetra nella fase "ying" e si manifestano febbre alta, dispnea, aggravamento dei sintomi con il movimento, palpitazioni, labbra e unghie violacee, eloquio disturbato. Nelle persone anziane e i pazienti di patologie di base, il patogeno si innesta stabilmente nell'interno, possono scaturire sintomi critici di blocco interno e collasso.
    Durante la convalescenza il patogeno non completamente svanito, blocca il meridiano del polmone e si manifesta con mancanza di forze, respiro corto e altri disturbi.
     
  2. Ambito del trattamento
    • Sindrome di tossicità epidemica che attacca il polmone
      • Sintomi: nella fase iniziale può esserci febbre; brividi; avversione al vento e al freddo; mancanza di forze;
        tosse, con catarro oppure catarro scarso; dolore corporeo e alla testa con sensazione di pesantezza;
        respiro corto; bocca secca; addome chiuso, oppure diarrea; lingua rossa, patina bianca oppure gialla oppure viscosa, polso scivoloso e rapido.
        * Questi sintomi si presentano nei casi di grado leggero o medio.
      • Terapia: espandere il polmone ed espellere il patogeno - purificare il polmone dal calore e dissolvere le tossicità.
         
    • Sindrome di tossicità epidemica che blocca il polmone
      • Sintomi: febbre; oppressione toracica e respiro affannoso; dispnea; tosse, con catarro denso e scarso;
        corpo come abbandonato e privo di forze; bocca secca senza desiderio di bere;
        gonfiore addominale, nausea e vomito; stipsi oppure diarrea con feci semiliquide e defecazione insoddisfacente;
        lingua rossa oppure scarlatta, patina gialla e viscosa, polso scivoloso e rapido.
        * Questa sindrome si incontra nei casi di grado grave e in una parte dei casi medi.
      • Terapia: purificare il polmone dal calore e fermare la dispnea; rinfrescare il sangue e dissolvere la tossicità.
         
    • Sindrome di blocco interno e collasso
      • Sintomi: difficoltà respiratoria; oppressione e/o dolore toracico; dispnea inspiratoria, respiro bloccato;
        tosse secca, e con catarro scarso; mancanza di forze; diminuzione del tono della voce; crisi di agitazione, fino alla perdita di coscienza e al delirio locutorio;
        perdita di sudore e arti freddi; labbra viola scuro; lingua rosso scuro, patina gialla e viscosa, polso sprofondante, sottile e quasi impercettibile.
        * Questa sindrome si vede nei casi gravi e critici.
         
    • Sindrome di insufficienza congiunta di Qi e di Yin
      • Sintomi: corpo abbandonato e esausto, diaforesi spontanea, palpitazione, perdita di appetito, bocca secca e gola arida, lingua rossa con pochi liquidi oppure rossa e liscia (nen), patina gialla o lievemente viscosa.
        * Questa sindrome si vede nei casi di convalescenza.
      • Terapia: sostenere il Qi e tonificare lo Yin
         
    • Sindrome di patogeno residuo non ancora eliminato
      • Sintomi: respiro corto, oppressione toracica, tosse, catarro scarso, lingua rossa oppure scura, patina leggermente viscosa.
        * Questa sindrome si vede nei casi di convalescenza nei quali permane una infiammazione nella zona polmonare
      • Terapia: accelerare la circolazione sanguigna per eliminare l'umidità - espellere il patogeno residuo
         
  3. Principi guida delle formule di medicina cinese per la prevenzione e cura
    Per la prevenzione si possono utilizzare diverse formule, secondo le diverse circostanze della popolazione:
    età, condizione fisica, esposizione al contatto ravvicinato con con il virus, ecc.

Il protocollo di diagnosi e trattamento adottato dalla medicina tradizionale cinese per fronteggiare la presente epidemia è il condensato del sapere della medicina cinese e della medicina occidentale che hanno combattuto spalla a spalla la guerra contro l'epidemia. All'interno del protocollo ufficiale di trattamento la medicina cinese ha un ruolo abbastanza importante, la direttiva del lavoro di sanità ed igiene è stata quella di continuare a dare la stessa importanza ed attenzione alla medicina tradizionale cinese ed alla medicina occidentale, ed è stata presa tenendo conto della conferma dell'efficacia terapeutica della medicina cinese.
Dal momento che non esiste ancora un farmaco mirato né un vaccino, si è dimostrato un metodo efficace di cura utilizzare l'esperienza clinica e i metodi della medicina cinese per fronteggiare l'emergenza, dare enfasi al riequilibrio olistico dell'intero organismo, innalzare le difese immunitarie, stimolare le risorse del proprio organismo di prevenzione e guarigione. Già durante la passata epidemia della SARS si era dimostrata l'efficacia della medicina tradizionale cinese; d'altra parte, l'evidenza comprovata di una grande quantità di pazienti guarita e dimessa dagli ospedali dimostra che l'integrazione di medicina cinese e occidentale è quella che ha dato i migliori risultati. Al momento attuale sono oltre 50.000 i pazienti guariti e dimessi dagli ospedali in Cina, la grande maggioranza dei quali hanno utilizzato medicine cinesi (fitoterapia cinese). Il team di esperti ha analizzato e accertato che i pazienti trattati con combinazione di medicina cinese e occidentale, rispetto a quelli trattati con la sola medicina occidentale, hanno potuto in tempi più brevi migliorare i sintomi di febbre, tosse, mancanza di forze, ridurre i giorni di degenza ospedaliera, elevare il tasso di negativizzazione dell'acido nucleico, limitare efficacemente la trasformazione dei casi lievi e medi in casi gravi, e dei casi gravi in casi critici; innalzare il tasso di guarigione, ridurre il tasso di morte.
Uno studio randomizzato controllato condotto su 452 casi lievi e comuni ha dimostrato che dal punto di vista del miglioramento dei sintomi e della velocità di negativizzazione dell'acido nucleico, il gruppo trattato con medicina cinese e occidentale combinata è significativamente migliore rispetto al gruppo di pazienti trattati esclusivamente con medicina occidentale. Un’altra ricerca clinica condotta su 500 casi ha dimostrato un miglioramento notevole delle immagini TC dei polmoni, con nessun caso di evoluzione da lieve a grave della malattia. Il confronto delle condizioni cliniche di 75 casi di pazienti gravi ha evidenziato che paragonando la cura combinata di medicina cinese-occidentale con quella di sola medicina occidentale, nella prima i tempi di negativizzazione dell'acido nucleico e di permanenza in ospedale si sono ridotti di tre giorni. Nei pazienti in condizioni gravi e critiche trattati a consulto da medici cinesi e di medicina occidentale, la medicina cinese si è dimostrata efficace per elevare la saturazione di ossigeno del sangue, controllare l'esplosione della infiammazione ed altri fattori. Infine vi sono oltre 100 casi di pazienti dimessi dall'ospedale trattati esclusivamente con medicina cinese, tra i quali non pochi affetti da forme gravi.

Adesso in Italia la situazione dell'epidemia è piuttosto grave, le persone che desiderano informazioni sulla prevenzione e cura di medicina cinese si possono mettere in contatto con la mia persona, è un servizio di consulenza gratuito offerto per dare il mio modesto contributo alla cura dell’epidemia in Italia!

Dottor Zhang Jianmin
 email j_mzhang@hotmail.com